Prologo

Roma, Ottobre 1982. Cinema Avila Corso d’Italia.

Cabina di Proiezione

Ho 21 anni, ho già trascorso quasi metà vita tra pellicole e proiettori. Sono entrato in una cabina di proiezione per la prima volta a 12 anni. A 16 ero in grado di proiettare da solo. A 18 quando i miei coetanei conseguivano la patente di guida, io conseguivo l’abilitazione a esercitare questo mestiere. Per diverso tempo sono stato il proiezionista “patentato” più giovane d’Italia.
Studiavo per la maturità tecnica nella cabina di un cinema a campo de fiori; tra una giunta ad una vecchia pellicola di Visconti ed un racconto di Thomas Mann cercavo di capire il mondo.

Ora ho appena finito di leggere il capitolo di un libro che in qualche modo segnerà la mia vita.
E’ la storia di un aviatore libero che incontra una specie di Messia, che lo guida alla scoperta dei misteri della vita e dell’universo. Il rumore del proiettore mi rilassa, mi mette in uno stato di quiete recettiva. Questa volta la storia mi ha colpito particolarmente, perchè questa parte si svolge in un cinema. Proprio in una sala come quella che vedo guardando dalle finestre di proiezione.
Richard, l’aviatore, aveva chiesto a Donald (il messia riluttante) come mai si trovassero su questa terra, in questo posto ed in questa epoca. Donald lo condusse in un cinema e cominciaronio a vedere un film. Durante la proiezione tormentò il povero aviatore chiedendogli spesso: “perchè sei qui?”. Le risposte che riusciva a dargli erano sempre le stesse, perchè è bello e per imparare. Donald gli fece notare che in fondo il film, nello svolgimento spazio temporale, era solo un Illusione, in quanto era contenuto tutto in una bobina e solo proiettandolo diventava reale, insegnava, emozionava e coinvolgeva. Mentre sfogliavo le pagine, osservavo la pellicola scorrere e le bobine girare. Mi resi conto di quanto il cinema fosse una metafora della nostra vita. Non ci ragionai su e neppure lo appresi. Lo percepii in maniera netta.

Da qui voglio iniziare a raccontare la mia storia, precedente e seguente, quella giornata dell’ottobre del 1982.
Mezzo secolo di vita in questo paese che amo, in una città che molti considerano la più bella del mondo.
Delle sue piccole e grandi vicende osservate da una finestra di proiezione…

Paolo Di Virgilio

Indirizzo

Via Bitinia 43 Roma

e-mail: paolo@architetturesonore.it

telefono: 3356640452

Richiedi un appuntamento presso la nostra sede